Newsletter ICS

Corsi

Clicca su ciascuna area per scoprire i corsi ICS, pensati apposta per te!

Incontri culturali

Premio letterario

Lingue

Informatica

Informatica - Adobe

LIS - Lingua Italiana dei Segni

Dizione

Pittura

Storia dell'Arte

Grafologia

Scrittura

Musica e canto

Discipline scientifiche ed umanistiche

Benessere psicofisico - Discipline olistiche

Sartoria

Marketing

Convenzioni

Convenzione con il Teatro Arcobaleno

Ristorante Food Art

Fisioterapista Dott.ssa P.Sbraga

Podologo Dott.ssa M.Torello

Parrucchiere Anna e Teresa

Incontro con Laura Rainieri: letture, partecipazione ed emozioni

Al meeting organizzato dall'associazione I.C.S. una buona presenza di giovani ha sancito il successo dell'evento.

E’ stato un incontro gradevole e ben riuscito quello del 9 febbraio con Laura Rainieri presso i locali de “La mia libreria” al Prenestino. La conferenza con la poeta, organizzata dall’Istituto per la Cultura e il Sociale, ha visto la partecipazione di molte persone, tra cui un folto gruppo di giovani.

Ospite ed organizzatrice dell’evento la presidente dell’I.C.S. prof.ssa Cecilia Boccuzzi che ha introdotto alla conferenza. La scrittrice Giovanna Giovannini ha preso inizialmente la parola per presentare l'autrice. L’incontro si è svolto con la poeta che spiegava le motivazioni della sua opera “E serbi un sasso il nome”, dedicata alla madre e tema centrale dei suoi versi.

Sono emerse considerazioni importanti e toccanti, che, come la stessa autrice ha sostenuto, sono comuni ad ognuno di noi indipendentemente dall’età o dalle differenze personali.
La stessa Laura si è alternata nella lettura di alcune poesie con Angela D’Onofrio, giovane attrice di teatro, intervallando spiegazioni e commenti sui versi declamati. L’atmosfera di inizio secolo della campagna padana è emersa chiaramente da queste rappresentazioni, in particolare il ruolo della donna, che Laura ha voluto porre in risalto rispetto ad un ambiente che è stato poco rispettoso della rlevanza;sociale ed emotiva della figura femminile.

L’autrice ha spiegato la difficoltà di trasformare in componimento poetico, fatto di regole metriche precise, le sue forti emozioni personali.

C’è stata la presentazione anche delle altre opere dell’artista, come la raccolta “Nessuno ha potuto sposarci” e il libro di racconti “L’ultimo Guancho”. Di questo testo, Manuela Cerri, allieva del corso di teatro dell’I.C.S., si è cimentata nella lettura del racconto “Dall'oblò della soffitta”. L’emozionante interpretazione di questa storia ha poi concluso l’incontro letterario, che ha visto la partecipazione dei presenti all’aperitivo e rinfresco.